Autovelox, verifica copertura RC e revisioni

Ormai è certo, gli autovelox a breve controlleranno la copertura RC e le revisioni di tutti i mezzi in circolazione, comprese le motociclette. La proposta arriva da un emendamento proposto dall’esponente Pd Sergio Boccadutri, incluso nella legge di stabilità già approvato dalla commissione di bilancio della Camera.

Il risultato di questa innovazione digitale saranno controlli ancora più accurati sui mezzi in circolazione, il che è senz’altro una buona notizia. Gli occhi elettronici della Polizia di Stato aumenteranno il loro potenziale continuando a segnalare le infrazioni per eccesso di velocità a cui si aggiungeranno il controllo delle revisioni e la presenza di copertura RC auto.  Lo scopo è individuare i veicoli non idonei alla circolazione che possono presentare un pericolo per l’incolumità di se stessi e per gli altri. La misura è inoltre doverosa, spiegano gli esponenti del Pd, in favore degli automobilisti onesti e sarà capace di frenare i morosi che non hanno pagato l’assicurazione obbligatoria cogliendoli in fragrante.

Nella legge di stabilità altri passi concreti per rendere più sicura la circolazione stradale grazie all’innovazione tecnologica. Abbiamo appena approvato un mio emendamento che migliorerà la sicurezza degli automobilisti onesti. Infatti, grazie all’introduzione di nuove tecnologie, non sarà più necessaria la contestazione immediata per le infrazioni di mancata revisione, trasporto di cose su veicoli a motore oltre la massa consentita e obbligo dell’assicurazione auto. Chi espone se stesso e gli altri a rischi anche pesanti finora ha potuto spesso ‘farla franca’ in assenza di modalità di controllo digitale: tutti conosciamo, ad esempio, le conseguenze, anche solo patrimoniali, di chi subisce un danno da un veicolo non assicurato. Da oggi, sostanzialmente, non sarà più possibile che ciò avvenga! (Dal profilo facebook di Sergio Boccadutri, che ha presentato la mozione)

L’emendamento elimina la contestazione immediata per la multa di revisione e assicurazione auto come per il trasporto di cose oltre la massa consentita dai veicoli a motore e si inserisce nel programma di automazione digitale che ha visto dallo scorso 18 ottobre aveva abolito l’obbligo di esporre il tagliando assicurativo sul parabrezza, ora la copertura RCA si verifica online, tramite la banca dati della Motorizzazione civile.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.