Assicurazione furto moto

Una clausola accessoria molto importante nell’assicurazione moto è quella del furto. 

Purtroppo i furti moto sono in aumento e l’unico modo per tutelarsi è aggiungere all’assicurazione base la clausola accessoria assicurazione furto moto.  Per ovvi motivi il premio sarà un po’ più alto ma in relazione alla percentuale di furti è alla fine conveniente ancor più con assicurazioni temporanee o sospendibili.  In caso di furto moto non si può calcolare il risarcimento in base al prezzo sul mercato ma per conoscerlo è necessario controllare il valore per cui è stato assicurato il mezzo, allo scoperto e alla sua franchigia. 

Cosa significa in relazione all’assicurazione furto moto?

Se la vostra moto é valutata 10.000 euro ma la assicurate per un valore di 8.000, un ipotetico danno di 1000 euro sarà risarcito 800 euro.  In pratica il valore assicurato corrisponde al prezzo pagato all’acquisto; questo però non coincide con il risarcimento che sarà calcolato al ribasso (di solito circa il 20% rispetto all’importo pagato). Per evitare questa perdita si può richiedere una polizza con l’aggiornamento di listino, in tal caso viene risarcito l’intero importo ma solo per un periodo di tempo limitato (tra i 6 mesi e 1 anno). Altri dati fondamentali per la polizza furto sono franchigia e lo scoperto.

La franchigia è un costo fisso che rimane a carico dell’assicurato, lo scoperto invece è una percentuale a suo carico, in pratica se lo scoperto è fissato al 25% e il danno ammonta a 1000 euro la liquidazione sarà corrisposta per una cifra pari a 750 euro.

Per la liquidazione del furto l’assicurazione richiederà le chiavi del mezzo oltre alla copia di riserva per accertare la vostra buona condotta nel preservare il mezzo dal furto.  Una volta fatti tutti gli accertamenti la compagnia assicurativa provvederà a pagare la cifra dovuta in aggiunta alla quale  sarà aggiunta la parte della polizza non utilizzata.

Leave a Reply

Your email address will not be published.